Menu

Domanda n.32: un nuovo profeta sta per manifestarsi

Friday, 1 December 2017

Domanda:
"Cara Maria, ho letto tempo fa sul vostro sito una impressionante profezia, che mi ha lasciato sbigottito e affascinato! Ma davvero sta per manifestarsi un nuovo profeta, una specie di nuovo Giovanni? E davvero questo profeta preannuncerà il ritorno di Gesù sulla Terra? E come avverrà tutto questo? Cosa dicono ancora le rivelazioni di Neri su questi argomenti di importanza eccezionale? Grazie."

Risposta:
"Caro Roberto, l'umanità ha bisogno di una nuova scossa. C'è troppo lassismo, troppa assuefazione al male, non si reagisce più, il livello della coscienza morale nell'essere umano è di nuovo a livelli bassisssimi, le violenze ed i soprusi, specie contro i più deboli, le donne, i bambini, i poveri, vengono tollerati o addirittura accettati. I migranti non trovano ancora un'accoglienza decente. La solidarietà e la condivisione sono troppo spesso utopie.
E nuovi o vecchi tiranni hanno ancora il sopravvento, in Corea del Nord, in Iran, in Siria, in Turchia, in Nigeria, in vari paesi dell'est asiatico, per non parlare della Russia, della Cina e, purtroppo, anche di paesi democratici come gli Stati Uniti. Siamo addirittura a rischio di una guerra nucleare, come se non bastassero già le tante guerre convenzionali sparse un pò ovunque. L'umanità non ha imparato nulla, ripete sempre gli stessi errori!
E' venuto Yogananda all'inizio del '900. Poi sono venuti i Maestri degli anni '70-'80, tra i quali Neri. Ma nessuno di loro è riuscito a scuotere a sufficienza l'umanità. Poi ci sono state le manifestazioni divine dei Cerchi nel grano. Ma anche quelle non sono state comprese, e anzi la loro importanza è stata (volutamente) svilita da banali imitazioni.
Papa Francesco è uno dei pochi che si oppone con decisione a queste situazioni, ma da solo non ce la può fare. Neanche le tante organizzazioni per la pace e la solidarietà, e i tanti centri spirituali, che pure ci sono e lavorano bene, ce la possono fare da soli. Anche questa volta è Il Divino che deve porre rimedio, se vuole salvare la Terra e tutti i suoi abitanti. Ed è quello che sta per accadere.
"La gente ha bisogno di essere colpita nella fantasia, di essere colpita con l'atto di un qualcosa che la scuota", ci ha detto Fratello Nessuno oltre vent'anni fa (rivelazione 15.03.95). E' per questo che, da tempo, le nostre rivelazioni ci hanno preannunciato l'arrivo di un nuovo Profeta e sopratutto il ritorno del Messia.
Sul nostro sito, con la domanda n.17 del 24.2.16 ne abbiamo già parlato, riportando queste quattro rivelazioni: maestro Luigi 24.04.91, il Maestro 9.3.94, Fratello Nessuno 15.3.95 e il Maestro 15.03.95.
Secondo le profezie contenute in queste rivelazioni, il Messia è sceso nuovamente sulla Terra nel 1984, ed oggi (2017) ha 33 anni. Il nuovo Profeta è nato (in un paese vicino a Prato) il 15 marzo 1995, oggi ha 22 anni, e si rivelerà a tutti tra meno di tre anni, precedendo il Messia, che dunque si manifesterà (non ci è stato detto come o dove) subito dopo di lui.
Questo nuovo profeta verrà al nostro Centro prima del 15 marzo 2020, ma non sarà riconosciuto come tale: nessuno di noi lo riconoscerà, nè lui farà nulla per rivelarsi con noi, perchè ancora non sarà il momento. Il nuovo profeta è un insegnante di lettere (non sappiamo se insegna a Prato o altrove), è umile nell'aspetto e nelle vesti, mantiene un profilo basso e non si rivela. Non ci è stato detto altro di lui, se non che è nato da una madre "impreparata" e da un padre che lo ha disconosciuto.
Quando sarà il momento, lui "non urlerà, non farà politica, ma predicherà e dirà al mondo ciò che accadrà, e questo proprio grazie alla personalità di un essere puro. Soffrirà tanto, ma la sua sofferenza sarà solo un atto d'amore. Giunge per due motivi: spianare la strada a Gesù, e correggere, fermare il disastro. ...Ma non nasce tanto per fermare le catastrofi, nasce affinchè la gente si ravveda e possa guardare nel punto che lui indicherà. E la sua Luce brillerà tanto lontano che ognuno sentirà le sue gesta, ed egli sarà davanti a Lui, come Giovanni fu avanti al Messia." (Fratello Nessuno 15.03.95).
In tutto questo grandioso Disegno Divino, il nostro Centro avrà un ruolo fondamentale: il Centro "Il Sentiero" di Neri Flavi, preposto al sud del mondo, avrà il compito -insieme ad altri tre Centri nel mondo, situati al nord, all'est e all'ovest- di preparare la strada al risveglio dell'uomo "nuovo" ed all'inizio della "nuova era" (Il Maestro 09.03.94).
Nota. Il contributo del nostro Centro fino ad oggi è basato sulle tredici Sculture medianiche scolpite in trance da Neri, i cui numerosi simbolici insegnamenti sono ancora da interpretare completamente e da divulgare. Inoltre è basato sulle raccolte di Rivelazioni dei nostri Maestri, e sugli approfondimenti di Neri. Tutto questo materiale è stato riversato in dodici volumi di "Rivelazioni", in diciassette volumi di "Approfondimenti", in dodici volumi di raccolte a tema, in nove libretti tascabili, e in tre libri stampati da BastogiLibri e da Melchisedek. Tutto ciò è visibile sul sito del Centro http://www.ilsentierodineriflavi.it/ Tutto questo materiale è scaricabile gratuitamente in forma di e-book.

"Quando questo Mezzo riprenderà coscienza, egli darà il suo primo vagito....vicino alla vostra città (Prato: n.d.r.)! In questa vostra notte spunterà questa grande stella sulla terra. Soffrirà da madre impreparata; verrà disconosciuto dal padre, ma la sua Luce brillerà tanto lontano che ognuno sentirà le sue gesta, ed egli sarà avanti a Lui, come Giovanni fu avanti al Messia.
Egli si rivelerà con l'intelligenza, perché è intelligenza, saggezza e purezza. Egli vi parlerà fra venticinque anni da questo giorno (15.3.95:n.d.r.). Molti di voi lo sentiranno parlare. Chi vivrà, vedrà, o meglio dire, udirà. Egli sarà mite ed umile di cuore. Sarà insegnante di lettere, ma umile nel suo aspetto e nelle sue vesti. Vi verrà dato di conoscerlo prima (dei venticinque anni), ma non lo riconoscerete perché nessuno lo riconoscerà perché non sarà giunto il suo momento.
La storia si rinnova e si ripete. Quando il Figlio di Dio scende sulla terra, il Profeta prepara la strada e Lo indica, affinché tutti possano riconoscerLo. Colui che verrà non berrà vino, non urlerà, non farà politica. Predicherà e dirà al mondo ciò che accadrà, e questo proprio grazie alla sua personalità di un essere puro. Soffrirà tanto, ma la sua sofferenza sarà solo un atto d’amore, come un calice che dovrà bere per amore di Dio.
Il Profeta che nascerà tra poco, sarà di liberazione dalle catastrofi. Giunge per due motivi: spianare la strada a Gesù, e fermare i disastri, ma non tanto per fermare le catastrofi, quanto perché la gente si ravveda e possa guardare nel punto che lui indicherà."
(Fratello Nessuno 15.03.95)

"Il Maestro è già sulla terra! Se noi non vi prepariamo bene, alla Sua venuta, cosa Gli direte? Lui è già presente sulla terra. Se si dice "presente", si parla del Suo corpo, anche se Lui non lo toccherà mai; come non lo ha toccato la prima volta, non lo toccherà ora, perché sarà pieno dello Spirito Santo, e lo Spirito Santo non può avere un corpo.
(A chi domanda "sarà così difficile riconoscerlo?") Perché dovrebbe essere difficile? Se il tuo spirito è pronto sarà facile. Sarà difficile se il tuo spirito non sarà pronto; ecco perché prepariamo i vostri spiriti. Lo riconoscerai, non dubitare. È già stato detto tanto tempo fa: nascerà in un luogo puro, nascerà in un luogo non contaminato. Ma voglio soddisfare la tua curiosità: non ha diciassette anni come qualcuno asserisce, ne ha sette.”
(maestro Luigi 24.04.91)

"Io vi dico che quattro Maestri che sono all’ordine di nord, sud, est ed ovest, ad altezza regolare dalla terra, quattro Maestri in contatto fra di loro, di cui uno è questo Figlio (Neri Flavi: n.d.r.), che trasmettono delle vibrazioni tra di loro. Perché questo? Perché è giunto il momento per rinnovare le vecchie forme. Vecchie superstizioni saranno abbattute, vecchie usanze, vecchi egoismi cadranno, vecchie sostanze umane e forme umane saranno distrutte.
Ecco perché la terra è in pieno fermento per tutto questo; ecco perché questi grandi sviluppi dove nessun segreto viene più nascosto sulla terra, ma viene svelato, divulgato! Chi sono questi quattro Maestri? Quale il loro compito? È quello di rinnovare l’essere umano dalle sue superstizioni, ambizioni. E questo perché tutto si deve rinnovare! Le guerre, i terremoti, gli sconvolgimenti, i ladrocini che accadono, vengono svelati affinché tutta la terra sia completamente rinnovata.
Questo è il compito dei quattro Maestri che comunicando fra di loro, smuovono energie positive per abbattere tutte le superstizioni ed i vecchi tabù, affinché la gente possa comprendere, conoscere e rinnovarsi, riflettere ognuno dentro di sé. Fra loro questi quattro Maestri hanno un’energia tale da poter rimuovere tutto e rinnovare. Perchè rinnovare? Perchè tanta fretta? Perchè i tempi sono maturi! Rinnovando tutto, voi dovete preparare la strada a Colui che è già nato sulla terra, che porterà la Sua Parola rinnovatrice e tutto poi verrà ricostruito in perfetta forma. Sarà una forma nuova, un dialogo nuovo, una parola nuova piena d'Amore."
(Il Maestro 09.03.94)

"Una nuova era si è aperta. Tutto incomincia per il meglio, anche se qualche difficoltà ancora dovrà venire. Noi guardiamo sempre l’uomo della terra con costante attenzione. In questa vostra notte (15.3.95:n.d.r.) nascerà un personaggio importante. Egli sarà come un Profeta: non battezzerà, non confesserà, non berrà vino. Si ciberà di cose naturali della terra, ma egli sarà Profeta da ora a cinquecento anni del vostro tempo. In che maniera? Egli sarà intuito, egli sarà un Angelo bello. La sua anima brilla e queste previsioni, che lui dirà, dureranno cinquecento anni.
Ma ora parliamo dell’uomo della terra che soffre, dell’uomo della terra che è nato per la sua evoluzione, incontrando ostacoli, incontrando fatiche. È naturale che il karma di ognuno deve affrontare queste verità, chi in un modo, chi in un altro. Cosa avviene nell’intimo di un essere umano? Questo grande sconvolgimento interiore per cui cerca disperatamente di riuscire ad evadere dal proprio corpo.
Quello di cui parlo è una lotta molto diversa, è la lotta dello spirito, è la lotta della resurrezione interiore di ognuno di voi. Ognuno di voi lotterà coi propri mali, lotterà contro il proprio istinto, lotterà contro il mondo e le sue cattiverie: e questo avverrà nell’interiorità di ognuno di voi. La maggiore sua sofferenza sarà l’istinto, egli lotterà contro il proprio istinto e dovrà per forza trovarsi un varco per poter uscire, per poter evadere. Ma questo avviene gradatamente, poco a poco. Il vostro spirito ha bisogno di essere libero, di essere sopratutto puro, poiché finché non sarà puro non potrà avere la sua grande libertà anche di luce. Allora, una volta uscito dal proprio corpo, si vedrà come una piccola scintilla che brilla di mille luci, ed egli sarà felice. E potrà rivedere le sue Entità conosciute, le anime gemelle e tante altre luci che brillano di genitori, fratelli o parenti che gli verranno incontro e gli faranno festa. Perché? Perché una grande prova è stata fatta. E questo non è che un inizio di un uomo che si libera, di una scintilla divina che si libera!
Perché vi ho detto queste cose? Perché in questo Cenacolo, benedetto, protetto da noi (il Centro di Neri Flavi: n.d.r.), egli è nella sua piena coscienza. L’Entità che ha dovuto ripulire ogni millimetro d’aria che voi respirate, ha dovuto lottare per poterla rendere felicemente libera: così è stato. Voi respirate ora un’aria pulita. È pulita nella sua integrità interna, è come se questi muri formassero un corpo, e l’aria che voi respirate non è altro che un’entità che vibra qui dentro; il vostro spirito che respira dentro il vostro corpo a poco a poco si libererà, e così, a poco a poco vi libererete e potrete finalmente respirare un’aria divina.
Le Entità qui presenti sorridono con voi, ed Io vi dico, questa nuova venuta, questo nuovo ciclo che oggi abbiamo iniziato, non è altro che una nuova forma d’Amore e di evoluzione, un’evoluzione che continua, un’evoluzione che si è rigenerata e riparte da questo punto con gli Insegnamenti che noi vi diamo.
Ricordatevi sempre: voi siete la scintilla che vibra, come questa piccola fiammella davanti a Me, che è così accesa e non si spegne mai (Neri Flavi: n.d.r). Così il vostro spirito troverà un nuovo posto in un’era diversa, come se qui tutto si rinnovasse e rinascesse di nuovo. Pace a voi tutti!"
(Il Maestro 15.03.1995)
Campana
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento