Menu

Domanda n.67:” S.Giuseppe ci esorta” (un messaggio di fiducia e di speranza)

Monday, 16 March 2020

Domanda:
“Cara Maria, come hai detto di recente, tutta la potenza umana è nulla di fronte ad un cataclisma. Oggi a maggior ragione, con questa pandemia del coronavirus, l'essere umano si è scoperto debole e fragile, ed ha paura. Come possiamo, nel nostro piccolo fronteggiare queste situazioni? Avremo la capacità di superare questi eventi? Che cosa dicono Neri e le tue Guide?”

Risposta:
“Cara Roberta, da tanto tempo l’equilibrio nel mondo non è più perfetto. Tutta la terra vibra in una condizione negativa: sono i pensieri degli uomini. “Come viene punito l’uomo? Con i cataclismi, con le uccisioni, le barbarie… affinché egli si ravveda, affinché l’uomo saggio apra gli occhi e si schieri da quella parte positiva e con la mente faccia opposizione, affinché tutto questo finisca.”(Luigi 25.9.85). Quanti disastri vediamo accadere, quanti innocenti morire, quante anime piangere! Eppure è l’essere umano che chiama il male.
Ma proprio per questo accadono eventi che scuotono le coscienze, per risvegliarle. “La gente ha bisogno di essere colpita nella fantasia, di essere colpita con l'atto di un qualcosa che la scuota", ci ha detto Fratello Nessuno (15.03.95). Ed è per questo che, da tempo, le nostre rivelazioni ci hanno preannunciato l'arrivo di un nuovo Profeta e sopratutto il ritorno del Messia (vedi sul sito, la domanda n.32).
E Neri aveva detto anche:” Verranno segni dal cielo, i primi sono già venuti e non sono stati capiti. Faranno comprendere che oltre questa vita esiste un’altra Vita, che non ha né principio e né fine. I segni più forti verranno man mano che l’uomo si evolve, perché si deve rinnovare per poter comprendere questi segni...”(Neri 12.12.84).
In attesa di questi nuovi eventi, peraltro già qualcosa sta accadendo. Questa pandemia ha rovesciato tutto come un guanto. Intanto, poco traffico, poco smog, il cielo di giorno è più pulito, la notte si vedono meglio le stelle. Poi non abbiamo più fretta, la vita non corre, ma scorre, semplicemente, come una volta. Forse stiamo imparando la pazienza e la tolleranza nel fare le code, abbiamo capito che il male comune livella, siamo tutti uguali, potenti e poveri, famosi e sconosciuti, ricchi e poveri. Persino le reti sociali vengono ridimensionate, non sono più invasive, ma anzi ci tengono in contatto con i loro messaggi, a volte spiritosi. E sopratutto il silenzio: aiuta la mente, ce n'era davvero tanto bisogno, è il più grande risultato positivo, ti permette di riflettere e di stare un po' con te stesso.
Vedrai poi che riscopriremo anche il valore della “fratellanza”(parola più significativa rispetto a “solidarietà”), non solo per noi che siamo in marcia sul Sentiero e che ci sentiamo già fratelli, ma anche per tanti altri, che capiranno che siamo tutti fratelli tra noi e fratelli di Gesù, perchè figli di Dio.
Come dico sempre, da un male viene sempre un bene, prima o poi: questa quarantena è un'opportunità, per chi la saprà cogliere, ci farà cambiare molte delle nostre abitudini (lo sta già facendo!), in parte sono abitudini esteriori e pratiche, ma in parte sono anche psicologiche e mentali. E' già un primo passo verso quel cambiamento delle abitudini che è da sempre l'invito di Neri: "Buttate via i vostri pensieri vecchi, le vostre azioni vecchie, i vostri modi di fare vecchi, le vostre abitudini vecchie. Buttate via ciò che non vi deve appartenere più. Rinnovatevi, perché la vita è un rinnovo continuo. Spazzate via il vecchio, perché voi siete e fate parte di una vita nuova, di un mondo nuovo, di una abitudine nuova. Noi siamo parte di un'Era Nuova." (Neri 4.12.93).
Ormai da tempo c’è un grande desiderio di entrare a far parte di un mondo migliore, di un mondo nuovo, perché non appagano più oggi giorno quelle che sono le cose della vita terrena: le case, gli abiti, i gioielli… l’uomo non si contenta più. Non contentandosi più di quello che ha, è come se non lo avesse più. Allora cerca, cerca intorno a sé e dentro di sé quella Verità, quell’assoluta certezza, “quell’immensa, meravigliosa avventura”, come l'ha chiamata il Maestro, che da un senso nuovo alla sua vita: lo spirito.
“Perchè rinnovare? Perchè tanta fretta? Perchè i tempi sono maturi! Rinnovando tutto, dovete voi preparare la strada a Colui che è già nato sulla terra, che porterà la Sua Parola rinnovatrice e tutto poi verrà ricostruito in perfetta forma. Sarà una forma nuova, un dialogo nuovo, una parola nuova piena d'Amore." (Il Maestro, 9.3.94)

Neri, in occasione della Pasqua di qualche anno fa, ad una domanda simile alla tua, mi aveva dato questa risposta: "Non state in ansia: tutto andrà come deve andare. C'è un Disegno Divino, perchè nulla avviene a caso sulla terra! Noi lavoriamo tanto per questo disegno, perciò state tranquilli. Fate quello che è il vostro compito. Al resto pensiamo noi!"
Dobbiamo avere più fiducia nel Disegno Divino, anche se ancora molto ci sfugge perchè la nostra comprensione è ancora troppo ancorata alle cose terrene. Ma le Rivelazioni che Neri ci ha lasciato contengono molti inviti alla fiducia ed alla speranza, ne abbiamo parlato spesso nelle risposte alle vostre domande, non sto ora a menzionarle.

E' invece interessante citare messaggi piu recenti, come questo di Nannarella, una delle mia Guide:
“Maria, sono Nannarella, sono qui per farti compagnia! Dove sono io vedo l’universo pieno di nuvole, sono solide e molto dure: voi umani le create! Le nostre energie disintegrano tutto ma velocemente si ricreano; questo vuol dire che nel momento attuale il pensiero dell’uomo è molto pesante.
Noi facciamo il possibile affinché non avvengano danni maggiori, ma l’uomo si sta facendo del male non sapendolo: solo con la sofferenza avverrà l’apertura! Perciò, Maria, capisco la tua angoscia nel vedere tutto ciò, ma se così non accadesse il vostro pensiero non sarebbe attivo.
Tanti fatti si verificano per attivare le coscienze, ma questa attivazione deve essere per tutti coloro che soffrono, per cui i vostri pensieri devono divenire sempre più puri per arrivare in Alto, dove l’Etere è più terso perché c’è più sostanza!
Voi avete la fortuna di avere capito come avviene, ma non basta capirlo, va attivato! Vedrete poi che i risultati ci saranno e ne avrete beneficio anche voi!”
(Nannarella, messaggio dall'Astrale 7.2.14 n. 117)

O come quest'altro messaggio, che ci è stato donato proprio all'inizio di quest'anno: “Chiamateci come volete, noi siamo Uno come la luce del sole; chi può dire quanti raggi ha? eppure fa luce, una luce unica! Perciò la luce è dentro di voi! quella Luce unica! Chi non cerca quella Luce è evidente che dentro di sé non la sente, sente freddo, sente solitudine, si sente lontano dalla luce. Tutta la luce è il futuro, quel futuro che saranno le anime buone che lo costruiranno.Con noi, forme di luce, non costruirà chi non ci sente dentro di sé. Essere svegli vuol dire sentire il calore della nostra luce.... Un nuovo tempo è iniziato, tempo di risveglio! Come il sole ogni giorno sorge e al mattino vi sveglia al nuovo giorno, anche voi svegliatevi ogni giorno insieme a Noi!”
(Le Luci del Cielo, messaggio dall'Astrale 1.1.20 n.143)

E di recente, appena un paio di mesi fa, Fratello Giuseppe (che tutti chiamano san Giuseppe e che è colui che da tantissimo tempo, nel Disegno Divino, ha voluto che nascesse questo nostro Centro: “Nessuno saprà mai di te, Giuseppe, della tua verità, fino a che non sarà giunto, verso il duemila, un gruppo di povera gente innocente che avrà costruito un Cenacolo (è il gruppo di Neri, che ha fondato il Centro "Il Sentiero": n.d.r.), e parlerai di questa tua piccola storia. Tu sarai allora con loro e racconterai la tua verità, e del tuo trapasso accanto a me”: Il Maestro 8.12.93) , ci ha confortato con questo messaggio accorato:
“Sono Giuseppe, sono qui sorelle! Tutti sono venuti a salutarvi, anche io sono qui e vi volevo dire che sono sempre presente qui da voi. Anche se io non mi presento tante volte, la mia presenza è sempre attiva. Questo posto, creato da me, è sempre protetto da me e da tutti i Maestri che voi conoscete, anche quelli che non conoscete.
Dunque sorelle, forza! la via è tracciata, io sono in testa! e sarò sempre con voi, non dubitate. Su, avete tanto da fare! presto sarà tempo di vendemmia! Ora dite agli assenti che Giuseppe non li lascia soli, perché c’è una preghiera che ci unisce, è il Padre Nostro: quando lo dite pensate a me.”
(Giuseppe, messaggio dall'Astrale 10.1.20 n.144)

E infine è importante rileggere il messaggio profetico di Astra del 1991:
“Tutto si trasforma su questa terra, tutto si trasforma nell'universo, tutto prenderà forma, tutto cambierà! Ecco, eccoci fratelli, è tempo di Shambhalla! Cosa significa Shambhalla, il tempo di Shambhalla? Significa che molti troni cadranno, molti dittatori moriranno, molte cose saranno cambiate. Gli esseri umani si uniranno fino a che diverranno un'unica razza, forte, intelligente, evoluta. Tutto dovrà essere uniformato su questa terra: cambieranno e cadranno frontiere,tutto sarà rinnovato nei vostri animi e nei vostri cuori, tutto sarà intelligenza pura. Trasmetterete, imparerete con la grande intuizione a parlare tra di voi, poiché il tempo è giunto!
Tutti pensano che dovrebbero venire catastrofi e morte sulla terra. No, figli miei e fratelli miei, non è così, è solamente il palpito di un rinnovamento completo, di un’era che si rinnova: cadranno vecchie abitudini, cadranno vecchie usanze, tutto si rinnoverà, tutto troverà gioia, tutto troverà un rinnovamento totale. Non è la morte della terra, non sono le catastrofi, ci saranno le guerre, ci saranno le rivoluzioni. Ci sarà tutto, affinché tutto si uniformi, affinché tutto venga ad essere una cosa sola. E’ giunto il momento in cui schiere di esseri viventi scenderanno sulla terra, scenderanno già col compito di uniformare maggiormente ed unire, soprattutto unire ed unire ancora.
Avranno modi di fare diversi, costumi diversi, gli abiti diversi, un linguaggio diverso, un sentire diverso, un udire diverso, poiché la loro intelligenza e la loro missione devono essere diverse. La loro missione deve essere accompagnata da quel simbolo immortale che è dentro di voi, di una evoluzione Cristica.”
(Astra 9.1.91)
Campana
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento