Menu

Domanda n.12: La vibrazione del plenilunio ci aiuta

Sunday, 22 March 2015

Domanda:
Domanda: "Cara Maria, in che cosa consiste l'energia del plenilunio e quali effetti ha sulla nostra anima? Puoi darmi qualche consiglio affinché la mia mente sia sempre più capace di essere cosciente che noi siamo quell’essere nobile, eterno, divino, che non subisce inutilmente tutti i travagli della nostra vita quotidiana?"

Risposta:
Risposta: "Cara A., l'essere umano soffre e soffrirà sempre, per tutte le prove che deve affrontare nella vita e per tutte le difficoltà che incontra. Ma il motivo principale di questa sofferenza risiede nella lontananza dalla Luce Divina: l'essere umano sulla terra si sente solo (anche se in verità non lo è mai, perchè è sempre accompagnato dalle sue Guide), e questa solitudine non dà pace, ma sofferenza, sofferenza per essere lontano dalla Grande Luce.
Ecco l'importanza del plenilunio. Nei giorni di plenilunio tante Entità vengono a darci aiuto, le loro vibrazioni - che sono anch'esse Luce divina- scendono ad aiutarci, colloquiano con il nostro spirito, che così si rinforza insieme alla nostra mente ed al nostro corpo, si rinsalda, si rincuora e si rinforza. Finalmente, in quei giorni di plenilunio la nostra scintilla divina brilla.
E' proprio la vibrazione del plenilunio, la sua energia, che ripulisce il nostro corpo e la nostra mente da ogni negatività. Noi abbiamo un estremo bisogno di contatti con il mondo astrale, e questi contatti vengono facilitati nei gorni di plenilunio. Quanto al consiglio che chiedi, posso solo dirti che con la fede sentiresti meno il peso delle difficoltà e della solitudine, la convinzione ferma di sapere che tante Entità ti amano e ti aiutano nel tuo percorso. Ti chiedo, ora, di leggere, come suggerisco sempre in queste risposte, una Rivelazione del Grande Maestro":

"La pace sia con voi. Fratelli Miei, questo giorno (di plenilunio) così particolare, questi giorni così intensi d’energia e d’amore, portano a rivivere, a risentire il nostro eco che giunge da lontano o da dentro di noi. Eppure tutto è immutato, tutto è fermo, tutto si scandisce così bene nella nostra vibrazione terrena : in questo eterno presente dove tutto corre e cammina così velocemente, il nostro essere che vibra, rimane immutabile, fermo, rimane pieno d’armonia.
È solo quella grande sostanza -quella vibrazione che vi avvolge- che ripulisce il vostro corpo da ogni negatività e da ogni male, trova esemplare l’attimo d’amore che unisce questo attimo a Dio.
Ma non è questa la cosa più importante per l’essere umano. L’energia che vi avvolge fa qualcosa di più importante: colloquia, parla col vostro spirito, lo accarezza e lo rende vivo nell’attimo in cui si incontrano questa stessa energia che è dentro di voi e l’Energia che scende e vi avvolge nello spazio, trova un esempio puro di un’unione così perfetta. Ecco, e parlando ringiovanisce, sorride il vostro spirito, si ricrea, riprende forza e in quest’attimo in cui l’energia è ancora più potente, si parlano e si aiutano. Tutto il vostro corpo rifiorisce, riprende forma e sostanza e così fa la vostra mente. Il vostro equilibrio si riunisce più che mai, e quella scintilla divina brilla nell’armonia intensa della vita. Eppure tutto corre, ma il vostro essere rimane fermo, immutabile, poiché è tutto che gira intorno a voi e vi rende meravigliosamente produttivi. Tutto vive e vibra come la pianta e l’albero, eppure non si muove, ma dà frutti buoni.
E così voi, credete di correre e camminare, di affannarvi, no! È questa sfera, questa immensa sfera che gira intorno e vi avvolge e vi coinvolge, e trova sì l’esempio più bello della vostra esistenza: vi rende la vita! Vi toglie, vi pulisce dalle vostre scorie e vi riforma. Qui si comincia a vedere l’esempio naturale e soprannaturale che è ognuno di voi, e al vostro trapasso ogni anima viene rifoggiata, riportata con maggiore calore, con maggiore forza, maggiore forma.
Ecco che il luogo del riposo, non solamente vi fa meditare e vi rende meravigliosamente belli, ma il vostro spirito viene rifoggiato, riamalgamato con altri spiriti. Unito insieme all’Energia della creazione, si rifoggia e torna più forte sulla terra. Il suo modo di vivere e di essere è sempre più perfetto. Vita dopo vita è sempre più bello, è sempre più brillante e comprende di più, capisce di più e si sente più solo, perché per questa grande forza, tornando sulla terra, si sente riabbandonato e cerca allora quel contatto che aveva nell’astrale, quel contatto per riprendere forza e amore.
Si consuma molte volte di dolore perché questa solitudine non gli dà pace. Vorrebbe vivere sempre nell’astrale per essere sempre più nuovo e sempre più brillante. Ma accetta la condizione della sofferenza terrena perché l’uomo della terra soffre e soffrirà sempre. Ma il maggiore motivo di questa sofferenza è la lontananza da quella che voi chiamate “Luce divina”. E queste prove che deve avere sulla terra, lo riformano e lo rendono più che mai saldo, puro, più saggio e più bello. Ecco la trasformazione che esiste in questi giorni (di plenilunio). Tante Entità che vivono, vengono da voi e vi aiutano e vi sorreggono, puliscono i vostri corpi, rallegrano il vostro spirito e la vostra anima rendendoli più che mai consapevoli, ma soprattutto bisognosi di questo distacco.
L’uomo della terra si sente abbandonato, si sente solo. Ma questo accade a chi non ha fede, poiché basta un briciolo di tenerezza e di fede per completare questo allacciamento tra voi ed il mondo esterno, il mondo astrale. Ecco fratelli, questo avviene quando Io vengo a voi, anche se non è questo momento ed un giorno così particolare, e vi parlo e vi avvicino. Il nostro compito è quello di ripulire prima di tutto il vostro corpo, le vostre scorie e parlare all’anima, poiché se l’anima non avesse frequentemente questo contatto, sarebbe perduta nell’universo. È questo allacciamento che vi tiene uniti a Me, e così sarà sempre, sarà sempre fino a che il vostro spirito, più perfezionato che mai, entrerà a far parte di Me: saremo una cosa sola, sempre! Sarà così in ognuno di voi.
Vi abbraccio e vi benedico, e la pace sia con voi e nelle vostre famiglie. La pace sia con voi."
(Il Maestro 02.03.1991)

E il Maestro Luigi così risponde alla domanda: "Perché l’essere umano sarebbe immobile?"
"L’essere umano è raffigurato che viaggia, corre, si espande. Non si è mai reso conto che egli è già immerso nell’universo e per questo è immobile. Immobile perché non si può distaccare da Chi lo ha creato, da Chi gli ha dato la vita, ed egli allora è immobile. Mentre il tuo corpo si affatica, lo spirito è in contemplazione con la Divina Luce. La pace sia con voi."
(Luigi 02.03.1991)
Campana
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento