Menu

Domanda n.113: “La meditazione, fonte di evoluzione” (con la meditazione si sale di livello in livello)

Tuesday, 24 May 2022

Domanda:
Cara Maria, ho letto in una rivelazione che il Maestro ci insegna che un giorno anche la meditazione sarà superata, come superato sarà ogni sentimento e si entrerà in una fase nuova, nella fase di un altro piano evolutivo, la fase di un nuovo modo di sentire e di provare, un nuovo modo di essere. Come è possibile questo? Non sarà forse che senza la meditazione non riusciamo ad entrare dentro noi stessi e quindi a crescere evolutivamente, superando piano piano i nostri difetti?

Risposta:
Certo che è come dici, quella è una frase di Neri, solo la meditazione ci consente di cercare un contatto diretto con l’altra dimensione. Nella vita terrena siamo talmente pieni dei nostri piaceri e delle nostre sofferenze che non pensiamo ad altro e non vediamo altro. Non è facile arrivare al vuoto nella mente, ma è lì che si deve puntare. Senza la mente libera dal continuo strangolamento dei pensieri terreni, non si fa molta strada.
Pensa di non avere un corpo ma solo una mente ed uno spirito che si affaccia, e vivi espressamente per questo tuo spirito, perché questo tuo spirito è il tuo io, il tuo io che trova conoscenza e si fa più grande, più grande, e cresce, cresce, cresce.” (Luigi 15.12.93). La meditazione la devi fare con il cuore sgombro da pensieri terreni, concentri la tua mente sulla Grande Luce e nella meditazione sarai libero e ti rinnoverai di volta in volta, come facevano gli antichi (e ancora oggi i popoli aborigeni), per essere in contatto con la parte spirituale della natura.
Ma la cosa forse nuova che ci hanno insegnato le Guide è che la forza della meditazione sale di livello con il tempo, è come un ascensore che ci porta piano dopo piano all'anticamera del cielo.
Insegna il Maestro: “Nella meditazione ognuno di noi perde la coscienza del proprio essere, perde la conoscenza del proprio corpo, perde la conoscenza dei propri sentimenti umani, terreni, fisici... acquista la sensibilità necessaria. La meditazione è l’esaltazione del proprio sentire, del proprio divino essere che s’innalza a Dio e sale, e sale lentamente, e mentre sale si allarga.” (22.5.91)
“E così -spiega Neri- facendo conoscenza, a poco a poco ognuno di voi si accorgerà che anche la meditazione sarà superata, come superato sarà ogni sentimento e si entrerà in una fase nuova, nella fase di un altro piano evolutivo, la fase di un nuovo modo di sentire e di provare, di godere, un nuovo modo di essere. Allora la meditazione non avremo più bisogno di farla perché l’avremo superata, e dove ora vogliamo arrivare con la meditazione, domani già saremo la nostra evoluzione: nel posto dove oggi arriviamo con la meditazione, domani ci saremo senza meditazione! Avremo conquistato questo meraviglioso piano!”(Neri approf. 29.5.91 su 22.5.91)

Ti riporto una rivelazione del Maestro in cui si spiega perchè la meditazione è la vera fonte di evoluzione, seguita da un approfobndimento di Neri.

“Io vengo a voi nella gioia grande di una serenità, per colmare la vostra ricerca affinché nulla venga disperso. Sono a voi per aiutare l’uomo della terra, ma soprattutto, tutti gli uomini di buona volontà. Ecco, allora tutti hanno bisogno di sostegno e se Io sono il vostro sostegno, Io vi dico, fratelli Miei, correte lungo la via della vostra vita, correte lungo la via del vostro cammino, affinché il vostro karma diventi sempre più leggero.
Anche qui, in questo momento, nuovi fratelli che sono giunti al Mio richiamo, Io li benedico e benedirò le loro famiglie, benedirò il loro cammino ed Io sarò sempre il loro sostegno. E quando ognuno di voi sarà trapassato, dirà: “Io ho corso, ma sono stato sostenuto dal braccio della Luce, dal braccio della vita che mi ha condotto fino qui per avere la conoscenza, per essere responsabile di ciò che ho fatto; continuo a vivere ed a meditare poiché la meditazione è l’unica fonte di evoluzione per l’essere umano.
Perciò fratelli Miei, non vi stancate mai, non rimanete fermi, ma continuate a percorrere il sentiero della vostra esistenza, dei vostri piani evolutivi. Salite i vostri gradini con grande interesse per potere arrivare. Non dite mai “io sono arrivato”, voi sareste allora perduti e rimarreste fermi senza avere nessuna ricompensa.....
Ecco che quest’anima si sente meravigliosamente rinnovata in se stessa, aiutata! Si sente rinnovata nel proprio essere, nella propria intelligenza, nella propria evoluzione, e lì scorge a poco a poco quella bontà di poter vedere e conoscere la realtà nuova, una realtà viva, una realtà che è un volto nuovo di una conoscenza che ancora non aveva provato questa beatitudine.
Ecco che l’anima della terra, acquistando questa nuova forza di luce, è aiutata nel suo cammino terreno: viene aiutata in tutto, anche nella saggezza, affinché essa possa comprendere e possa essere rinnovata in tutto il suo essere....
Oh, quanta, quanta bellezza è allora sulla terra ed in cielo, e questi miracoli avvengono continuamente, ma quanti però, ripeto, sono invasi dalla Luce e non la sentono! Non la sentono perché troppo presi dal lavoro, troppo presi dalle cose terrene, rimangono ignari della ricerca e dei ricercatori della Luce che vanno proprio incontro a loro....
Ecco, fratelli Miei, non vi perdete lungo il cammino della vostra vita poiché Io sono la speranza e l’Amore! C’e bisogno di anime: troppe, troppe e troppe ancora sono rimaste indietro, prive di conoscenza, smarrite nel proprio essere; non sanno se andare avanti, e rimangono ferme nella propria ignoranza. Ecco, Io sono la Vibrazione e la Vita: chi crede in Me, vivrà. E quando passerete sopra di Me come una carezza, Io vi riempirò di Luce. Pace a voi!”
(Il Maestro 5.6.91)

“IL MAESTRO: Qual è la forma migliore per arrivare prima e per purificare il proprio corpo, per purificare il proprio io interiore? Io vi dico che è la meditazione. Cos’è la meditazione? Non è altro che l’esaltazione del proprio spirito, non è altro che l’esaltazione della propria volontà, non è altro che l’esaltazione del proprio fuoco interiore e di quella volontà che vi rende simili a noi Entità.
Neri: Evviva! La libertà del nostro essere. La meditazione. Dove nella meditazione ognuno di noi perde la propria conoscenza del proprio essere, perde la conoscenza del proprio corpo, perde la conoscenza dei propri sentimenti umani, terreni, fisici... acquista quella sensibilità, quella tenerezza, acquista quella bellezza divina, quell’espansione che nasce dalla meditazione; quella meditazione che ci fa dimenticare il proprio corpo per essere liberi, liberi nell’espansione totale nell’universo che brilla e ci accetta, ci aspetta e vibra insieme a noi. Non siamo allora noi che andiamo nell’universo, ma è l’universo che si scomoda per venire a noi, perché ci aspetta, ci aspetta e ci vuole!”
IL MAESTRO: E allora, quando voi meditate lasciatevi andare, lasciatevi andare, fermate le menti, non fate paragoni...ché non si addice ai Miei Insegnamenti!
Neri: Non fate paragoni, dimenticatelo questo, non li fate mai i paragoni, perché come voi lo fate, altri li faranno si di voi! Come fate a fare dei paragoni ad un proprio simile se già sapete in partenza, se già io vi ho insegnato che domani il tuo essere sarà immerso nel mio?
IL MAESTRO: Perché la vostra mente giudica? La meditazione è l’esaltazione del proprio sentire, della propria captazione, del proprio divino essere che s’innalza a Dio e sale, e sale lentamente, e mentre sale si allarga. Ecco che il corpo rimane sulla terra, ma l’esaltazione della propria mente e del proprio spirito che s’innalza nella meditazione, meditando cresce, meditando si ricompone, meditando si ritrova, meditando ritrova quelle sensazioni evolutive che sono nate dentro di sé. E meditando ancora, la mente e lo spirito salgono, e salgono facendo conoscenza.
Neri: Facendo conoscenza! A poco a poco ognuno di voi si accorgerà che anche la meditazione sarà superata, come superato sarà ogni sentimento e si entrerà in una fase nuova, nella fase di un altro piano evolutivo, la fase di un nuovo modo di sentire e di provare, di godere, un nuovo modo di essere. Allora la meditazione non avremo più bisogno di farla perché l’avremo superata, e dove ora vogliamo arrivare con la meditazione, domani già saremo la nostra evoluzione: nel posto dove oggi arriviamo con la meditazione, domani ci saremo senza meditazione! Avremo conquistato questo meraviglioso piano!
IL MAESTRO:… perché la vostra mente si è innalzata tanto da avere la conoscenza. Ecco che allora non serve più la meditazione, l’avete superata perché nella vostra ascesa mentale e spirituale che sale, il vostro corpo rimane. Che cosa significa? Significa che mentre il vostro spirito sale e raccoglie sempre di più intuizioni, raccoglie sempre di più quelle verità nascoste, anche se vivete nel vostro corpo voi non lo possedete più, perché allora, nell’ascesa della vostra meditazione, nell’ascesa della vostra mentalità spirituale, mentre il vostro spirito si allarga, non avete più bisogno, a poco a poco, di meditare, perché avete raggiunto la captazione diretta dell’Essere Supremo.
Neri: Contatto diretto con Dio, senza sforzo, senza fatica. Il sesto piano! Eccoci fratelli miei, si arriva al sesto piano. Se lo spirito oggi è posseduto dal corpo, domani sarete voi a comandare il corpo. Non potete più possedere un corpo, perché il corpo rimarrà impuro, ma il corpo sarà solo una presenza di chi vorrà comunicare, di chi vorrà parlare con voi.
IL MAESTRO: Ecco che allora sarete voi a condurre il corpo e quel vostro finale sarà un esempio di meravigliosità interiore, quella meravigliosità che vi rende liberi! Ecco, perché oggi Io vi dico questo? Perché ognuno di voi, Io vorrei che fosse santo, ognuno di voi vorrei che fosse libero dalle sensazioni terrene, ognuno di voi vorrei che si esaltasse ed il suo spirito ascendesse tanto, fino a Me! E se voi mediterete, questo l’otterrete”
(Neri, approf. 29.5.91 su 22.5.91)
Campana
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento